Le opzioni binarie: investimento o trading?

Quando si parla di opzioni binarie spesso si utilizza, in maniera equivalente, le espressioni investire in opzioni binarie e “fare trading di opzioni binarie”. In effetti il significato è identico e si potrebbe pensare che le espressioni siano dei sinonimi. E lo sono quasi. Per correttezza, però, sarebbe molto più opportuno parlare di trading di opzioni binarie. Vediamo perché e vediamo anche perché questo ha delle conseguenze significative anche sulle strategie operative che poi utilizziamo quando operiamo concretamente sui mercati.

Investimento o trading?

Partiamo dal punto fondamentale: la differenza tra investimento e trading. Quando si parla di investimento, in maniera generica, ci si riferisce all'utilizzo di una somma di denaro (in generale derivante dal risparmio ma non è necessariamente vero, posso investire anche soldi che ho chiesto in prestito) per acquistare asset finanziari o beni reali, nella speranza di ottenere un profitto futuro. L'investimento si caratterizza dunque per un capitale investito, per un asset su cui si punta, per un ritorno atteso alla fine dell'investimento. E' opportuno ricordare, però, che il ritorno non c'è sempre. Tutti gli investimenti, nessuno escluso, presentano un rischio intrinseco di perdita, parziale e totale.

Se pensiamo all'investimento più sicuro in assoluto, quello in titoli di Stato, vediamo che i soldi sono (quasi) al sicuro ma i rendimenti di solito sono estremamente contenuti. Se investiamo nei titoli di Stato più sicuri (Tbond USA, bond tedeschi, ecc...) il rendimento effettivo è negativo perché è inferiore al tasso di inflazione. In questo caso limite, praticamente, stiamo pagando perché il nostro denaro venga messo al sicuro.

Con le opzioni binarie le cose sembrano più o meno uguali: c'è una somma di denaro che viene investita su uno strumento finanziario derivato, c'è un ritorno atteso e una possibile perdita (non probabile se si opera con broker autorizzati CONSOB e con una strategia di trading razionale).

Caratteristiche delle opzioni binarie

Le differenze tra le opzioni binarie e la maggior parte degli investimenti sta nel fatto che le opzioni binarie sono marcatamente speculative. Questo significa che i rendimenti sono sensibilmente più alti (il rendimento medio di molte opzioni binarie si attesta all'85% e i rendimenti possono anche toccare punte del 1010%), che l'ammontare delle perdita teorica è quindi corrispondentemente più elevata (ma parliamo sempre di perdita teorica, nella realtà le cose vanno in modo molto diverso) e soprattutto sul fatto che l'orizzonte temporale delle opzioni binarie è sensibilmente più piccolo di quello di qualunque altro investimento.

Quando si fa trading di opzioni binarie si opera, in media, con una scadenza di 60 secondi. I trader più avidi e più coraggiosi, ormai, operano quasi sempre a 30 secondi perché con le opportune strategie di trading è possibile ottenere i profitti più elevati proprio lavorando con i 30 secondi.

Parlare di un investimento che dura solo 30 secondi potrebbe sembrare una vera e propria bestemmia: ecco perché quando ci riferiamo alle opzioni binarie è più opportuno (anche se non strettamente necessario) utilizzare la parola trading invece di investimento.

Un'altra differenza importante tra le operazioni digitali è molte altre tipologie di investimento sta anche nell'ammontare degli importi investiti. Se parliamo di investimenti tradizionali, molto spesso dobbiamo mettere in conto di utilizzare diverse migliaia di euro per singola operazione, non fosse altro che altrimenti i profitti sarebbero mangiati completamente delle elevatissime commissioni presenti. Nel caso delle opzioni binarie, per prima cosa è opportuno ricordare che non si pagano mai commissioni e non è presente nemmeno alcuno spread. I profitti sono al 100% del trader e questo già fa la differenza. Inoltre, gli importi investiti sono decisamente molto più bassi. Per dire, è possibile aprire un conto di trading con soli 250 euro (e in alcuni casi limite anche con 100 euro). Ma attenzione che i soldi presente sul conto di trading sono solo appoggiati, non appartengono al broker e rimangono nella totale e piena disponibilità del trader. L'ammontare delle singole operazioni, invece, è di poche decine di euro. Ovviamente parliamo di ammontare minimo, poi chiaramente ogni trader è liberissimo di fare quello che vuole. Tutto questo ci fa capire che le opzioni binarie sono un tipo molto, molto particolare di investimento ed è sempre meglio parlare di trading.

Dal punto di vista operativo a cosa ci spinge questo ragionamento? Ovviamente a considerare sempre con estrema razionalità le nostre operazioni binarie. Non è un gioco, è un modo per guadagnare molto a disposizione di tutti, anche di coloro che non hanno grande preparazione nel settore finanziario, ma bisogna saper operare.

Miglior broker opzioni binarie

  • 24option è un broker che offre una grande varietà di asset sottostanti su cui fare trading. E' autorizzato e regolamentato CySEC. Offre bonus di benvenuto elevati (Si applicano T&C) e rendimenti potenzialmente elevati. Il capitale può essere perso. Clicca qui per aprire subito un conto su 24option

Piattaforma più semplice

  • Iq Option Iq Option è la piattaforma di opzioni binarie più semplice da usare. Si può aprire un conto reale con solo 10 euro di deposito. Iq Option mette a disposizione gratuitamente di tutti gli iscritti una piattaforma di trading demo illimitata nel tempo e nei volumi. Per creare un conto gratuito, clicca qui. Il trading online comporta rischi di perdita sul tuo capitale.